Benessere negli allevamenti zootecnici, un altro consumo è possibile

0
407
BENESSERE NEGLI ALLEVAMENTI ZOOTECNICI

Gli italiani sono sempre più responsabili sul benessere degli animali negli allevamenti: questa la tendenza che emerge da tante ricerche condotte nel nostro paese.

C’è chi punta soprattutto sul risparmio, c’è chi invece fa delle scelte di acquisto uno stile di vita e di consumo che premia la qualità, l’impegno etico, la tutela dell’ambiente e il benessere animale.

La cosa è meno scontata di quanto sembri al primo impatto: non c’è bisogno di essere vegani per prestare attenzione al benessere degli animali da allevamento e per preoccuparsi della loro salute o per sostenere la necessità di una riduzione del consumo di carne.

C’è una maggiore tendenza a diminuirne il consumo e a non abbandonare la dieta mediterranea – ma anche per rivendicare allevamenti e macelli nei quali gli animali non vengano di fatto torturati, come hanno dimostrato numerose inchieste.

BENESSERE NEGLI ALLEVAMENTI ZOOTECNICI: UN ALTRO CONSUMO E' POSSIBILE

Gli studi più recenti mettono in evidenza due tendenze di fondo: i consumatori vorrebbero più informazione e sono pronti a far leva su una maggiore consapevolezza e su una qualità etica e ambientale dei prodotti per fare il salto successivo, ovvero pagare di più quei prodotti che vantano un plus in termini generali di sostenibilità.

Gli italiani vorrebbero una maggiore informazione su come vengono trattati gli animali negli allevamenti zootecnici, più chiarezza nelle indicazioni che arrivano loro, più trasparenza nelle etichette – che rappresentano la prima arma a disposizione per operare una scelta di consumo consapevole – e questo si traduce nella disponibilità a pagare di più uova e carni che garantiscano un maggior benessere animale. Non è una prerogativa di tutti i consumatori ma non è neanche un’opzione di nicchia.

A dimostrarlo sono in particolare due indagini che rappresentano un punto di partenza fondamentale per riflettere su queste dinamiche. La prima è un sondaggio Eurobarometro del 2016 che ha evidenziato come in tutta Europa la grande maggioranza dei cittadini (il 94%, quasi tutti) ritenga importante il benessere degli animali da allevamento.

L’82% ritiene che gli animali da allevamento dovrebbero essere tutelati meglio di quanto non siano finora. Il 64% dei cittadini europei vorrebbe avere più informazioni sul trattamento degli animali da allevamento nel loro paese – percentuale che in Italia è anche maggiore e arriva all’80%.

La metà dei cittadini dell’Europa guarda le etichette per identificare i prodotti con più alti standard il benessere animale e il 59% è disposto a pagare di più per prodotti rispettosi del benessere degli animali.

L’Eurobarometro, nei dati sull’Italia, dice che il 47% ritiene “molto importante” proteggere il benessere degli animali e un altro 47% lo reputa “alquanto importante”. L’80% degli italiani vorrebbe avere più informazioni su come sono trattati gli animali da allevamento nel nostro paese.

Il 47% guarda le etichette per cercare di identificare prodotti con più alti standard di benessere animale e animal friendly (in Europa è il 52%). Il 43% dei consumatori italiani sarebbe disposto a pagare di più per prodotti più rispettosi del benessere degli animali mentre un altro 49% dice invece di non essere disposto a pagare di più (una percentuale che nella media Ue si ferma al 35%).

Per il benessere degli animali negli allevamenti zootecnici, le lettiere devono essere il più confortevoli possibile, in modo che l’animale sia a suo agio e viva in buone condizioni igeniche.

Il materiale delle lettiere per allevamenti zootecnici deve essere scelto accuratamente in quanto deve assorbire il più possibile l’ammoniaca che deriva dagli escrementi, deve essere pulito e non polveroso poichè questo può causare diversi problemi respiratori e deve essere soffice per permettere al cavallo di stare comodo in decubito.

Clicca sull’immagine per saperne di più sulle nostre lettiere:

LETTIERE PER ALLEVAMENTI BOVINI DA LATTE