La lettiera permanente all’interno del ricovero

0
204
lettiere per allevamenti avicoli

La lettiera permanente all’interno del ricovero, non va cambiata molto spesso, ma anzi, per funzionare a dovere, va cambiata una o al massimo due volte all’anno.

Come curare la lettiera permanente all’interno del ricovero

Si inizia stendendo uno strato di materiale assorbente alto almeno 5 cm sul pavimento del ricovero notturno. Dopo una settimana si rastrella la superficie, eliminando le penne cadute e incorporando le feci nello strato più profondo, aggiungendo nel contempo altri 5 cm di materiale assorbente.

Si continua così, settimana dopo settimana, fino ad arrivare a uno strato di 20-25 cm di lettiera. A questo punto si provvederà alla solita pulizia settimanale per eliminare penne e piume e per incorporare nello strato superficiale le feci.

Qualora l’altezza della lettiera dovesse abbassarsi troppo, dovremo aggiungere ancora del materiale.

All’interno della lettiera permanente si verificheranno dei fenomeni di fermentazione delle deiezioni che tramite l’innalzamento della temperatura uccideranno buona parte dei parassiti e delle loro uova presenti nelle feci degli animali.

Questo fenomeno creerà anche una temperatura più mite all’interno del ricovero notturno nei mesi invernali, che i polli apprezzeranno molto.

Ma attenzione! Affinché la lettiera permanente funzioni devono essere rispettati due parametri fondamentali:

  1. una buona ventilazione del pollaio;
  2. il corretto numero di capi per metro quadrato.

Leggi anche: Parassiti nell’allevamento avicolo

Le cose a cui devi fare attenzione

Il concetto di base è molto semplice: solo se mantiene un tasso di umidità corretto la lettiera potrà svolgere il suo compito, quindi, bisognerà controllare i due aspetti che più influenzano questo valore.

Ventilazione

Un pollaio con una cattiva ventilazione vedrà un ristagno d’aria e un pericoloso aumento di umidità. Al contrario, se la ventilazione è eccessiva, la lettiera seccherà troppo rapidamente.

Una finestrella a vasistas in alto e una porticina d’accesso in basso, aiuteranno a mantenere un corretto ricircolo d’aria nella struttura.

Densità degli animali

Occorre mantenere il corretto numero di animali in pollaio.
Non dimentichiamoci che sono le loro feci a fornire l’umidità alla lettiera e che durante la notte i polli producono circa un terzo delle deiezioni giornaliere. Quindi, il numero di soggetti va valutato attentamente.

Calcolate un massimo di 10 pollastri in crescita o di 3-4 galline e galli adulti per metro quadro.

Una concentrazione di capi maggiore comporterà un eccesso di umidità nella lettiera e questa non riuscirà più a trovare il dovuto equilibrio, aprendo la strada a cattivi odori e a esalazioni ammoniacali.

Queste, se si accumulano, possono portare a un rallentamento della crescita negli avicoli e sono quindi assolutamente da evitare.

In Conclusione

Come già detto, la lettiera permanente andrà cambiata una o massimo due volte l’anno. In caso dobbiate completamente rinnovare il parco ospiti del vostro pollaio, tra un ciclo di allevamento e l’altro sarà comunque opportuno cambiare la lettiera.

Le lettiere in trucioli di legno permettono agli animali di vivere e riposare in una superficie asciutta, igienica e morbida.

Per adottarla subito nel tuo allevamento, contattaci ora cliccando sull’immagine:

lettiera permanente polli