Preparare il pollaio all’inverno

0
266
allevamento avicolo pascolo e lettiera

Con l’inverno si ripropone all’avicoltore un dubbio: conviene allevare i propri polli all’aperto o al chiuso?

Qual è il modo migliore per far trascorrere questa stagione ai nostri animali?

In generale, i polli sono animali fatti per stare all’aperto. Amano scorrazzare per la campagna, spesso incuranti del freddo, della pioggia e del gelo.

Molte razze amano anzi stare sempre all’aperto, dormendo sugli alberi se ne hanno la possibilità.

I polli possono dormire sui rami di un frutteto, incuranti di pioggia e neve, rimanendo sempre sani e forti.

Le galline spesso cessano di produrre durante le giornate più fredde e rispetto agli animali allevati al chiuso iniziano a deporre più tardi, ma ne guadagnano di solito in robustezza e capacità di sopportare le avversità

Pollaio in inverno, come preparasi

Ci sono alcune cose da fare prima che arrivi il vero freddo, vediamole insieme:

1. Controlla il pollaio

Effettua ogni riparazione necessaria al tuo pollaio prima dell’inverno, rimpiazza ogni parte rotta o mancante.

Assicurati che tutto possa essere perfetto se dovessi essere costretto a tenere i tuoi polli chiusi nel pollaio per un lungo periodo.

Approfitta delle ultime giornate di sole per disinfettare e pulire posatoi, pareti e pavimenti, e disinfestare il ricovero dagli ectoparassiti con prodotti appositi.

Se i polli dovranno restare confinati a lungo nel ricovero, i parassiti potrebbero infatti avere un’esplosione demografica.

Suggerimento: metti in un angolo uno scatolone pieno di sabbia mista a cenere, aiuterà i polli a eliminare eventuali ospiti indesiderati.

2. Fai attenzione a spifferi e correnti d’aria.

L’aria nel ricovero notturno non dev’essere stagnante, specie se desideri tenere rinchiusi i polli nei giorni più freddi.

L’umidità derivante dalle feci degli animali potrebbe coadiuvare il congelamento delle creste dei nostri capi.

Senza contare che le esalazioni d’ammoniaca rischierebbero di provocare rallentamenti della crescita ed altri problemi.

Quindi fai attenzione a garantire un buon ricambio d’aria, senza però dar adito a spifferi pericolosi.

3. Tieni al caldo i piedi dei tuoi animali. 

Gli avicoli sopportano bene il freddo, ma risentono molto dell’umidità e delle basse temperature soprattutto sulle dita.

Per realizzare un ricovero accogliente coprite il fondo con uno spesso strato di paglia o truciolo depolverato per ottenere una valida lettiera che tenga caldi e asciutti i piedi dei vostri animali, oltre a servire ottimamente per assorbire le deiezioni.

4. Ferma i venti.

I venti principali, specie quelli da nord, possono essere fastidiosi se non deleteri per i polli.

Proteggi il pollaio in inverno con barriere di qualsiasi tipo:

  • teli plastici,
  • teli ombreggianti da edilizia,
  • stuoie di canne o di bambù.

5. Niente fango e pozze d’acqua.

D’inverno, fango e umidità nel parchetto esterno possono rendere davvero dura la vita dei nostri polli.

I polli temono il freddo ai tarsi e ai piedi, che col fango e le pozze gelide finiscono coll’arrossarsi e dolere.

Per quanto si limiti il numero di animali, di norma la presenza dei polli in un terreno recintato comporta la scomparsa di qualsivoglia filo d’erba.

La terra battuta dai polli si trasforma in una poltiglia nauseabonda di fango ed escrementi ogni volta che viene a piovere per diversi giorni consecutivi.

Il pollaio diventa così un luogo estremamente antigienico, dove molti parassiti trovano terreno fertile per moltiplicarsi.

I polli camminando sul terreno peggiorano lo stato del terreno, i loro piedi costantemente a mollo nel fango gelido finiscono con l’arrossarsi, e gli animali si indeboliscono fino ad ammalarsi.

Se poi le galline sono in deposizione, diventerà un’impresa raccogliere un uovo pulito!

Per risolvere questo problema puoi ricoprire il fondo del parchetto con uno spesso strato di paglia o truciolo.

Puoi richiederle qua => Lettiere allevamenti avicoli

Questo forma uno strato che isola i piedi dei nostri capi dal fango, ma richiede di essere sostituito abbastanza spesso perché ovviamente tende a compattarsi rapidamente.

In compenso può servire egregiamente a tenere occupati gli animali, che vi razzoleranno felici rovesciandolo e ribaltandolo.

Inoltre questa lettiera “da esterno” fatta di pollina mista a fieno potrà essere beneficamente utilizzata come concime nei campi

6. Sovradimensiona il pascolo.

Polli sani e rustici si godranno il pascolo anche col freddo, e ovviamente un buon pascolo rappresenta un’ottima opzione per allevare i tuoi animali d’inverno.

Dobbiamo però tenere conto che in questa stagione l’erba e i vegetali smettono spesso di crescere.

I polli potrebbero quindi trovarsi ad esaurire rapidamente le risorse vegetali del luogo senza permettere peraltro una ricrescita adeguata del manto erboso. Per ovviare almeno in parte al problema, se potete farlo sovradimensionate il pascolo.

Se normalmente viene consigliato di offrire agli animali un minimo di 10 metri quadrati di pascolo verde per capo, aumentate quest’area di una colta e mezza o due: dai 15 ai 20 metri quadri.

Chiaramente non è una cosa facile ad attuarsi per molti allevatori, ma può aiutare a non trasformare il vostro pascolo in una landa brulla, desolata e priva di vita.

7. Massima attenzione ad acqua e cibo.

L’alimentazione dei tuoi avicoli assume in inverno grande importanza, sia per mantenerli in salute sia per prepararli alla successiva stagione riproduttiva. 

Le carenze vitaminiche e quelle di certi elementi, come il Manganese, nell’alimentazione degli adulti si traduce con minori tassi di schiusa e maggiori probabilità di avere pulcini affetti da malattie come la perosi.

Occhio quindi a offrire una dieta varia e ricca.

Consiglio: aggiungi alle granaglie le ortiche raccolte nella bella stagione e fatte essiccare, dopo averle ridotte in polvere.

In generale è bene offrire una dieta bilanciata, magari arricchita da dei buoni integratori vitaminici.

Offri se potete frutta e ortaggi freschi di stagione, come cachi, mele, zucche, cavoli, cavolfiori, broccoli, radicchio; rappresentano una miniera di sostanze utili.

Attento infine all’acqua: mantieni l’acqua pulita e preoccupati che sia sempre accessibile agli animali.

Rompi tutte le mattine il ghiaccio che si sia eventualmente formato per le basse temperature, e non limitarti solo ad aggiungere dell’acqua calda: questa scioglierà di norma solo lo strato superficiale del ghiaccio, che di lì a breve si riformerà, più spesso e duro di prima.

8. Infine, occhio ai vostri polli!

Prima che arrivi l’inverno, osserva bene i tuoi animali.

Guardali con attenzione mentre si muovono, mangiano e interagiscono fra loro.

Se noti qualcosa di strano, annotatelo e cercate di capire se si tratti di un’eccezione o se sia sintomo di un qualche tipo di malessere.

Prendi i tuoi avicoli tra le mani, osserva sotto le piume e tra le penne per capire se siano o meno infestati da ectoparassiti, e nel caso fosse così provvedete a disinfestarli prima di chiuderli per l’inverno in un ricovero.

Osservate i tarsi e se notate segni di rogna, provvedete a curarla.

Sverminate i vostri capi, cercate i sintomi delle malattie più comuni e se lo ritenete necessario affidatevi a un buon veterinario.

Tutto questo lavoro verrà ripagato, nella prossima stagione, con riproduttori sani e vigorosi, tante uova e meravigliosi pulcini per far crescere il tuo allevamento.

Per una lettiere permanente per polli che rispetti il tuo allevamento, contattaci cliccando sulla foto qua sotto:

lettiera permanente polli